Cerca
CinemaDonna.it

Categorie

Cerca un cinema...

Tutte le province:

Io speriamo che me la cavo ♠ di Lina Wertmuller

Io speriamo che me la cavo ♠ di Lina Wertmuller LA TRAMA DEL FILM:




Un maestro del Nord Italia, si ritrova a gestire una disastrosa classe elementare nel napoletano, tra genitori assenti e fratelli implicati in affari della camorra. Nonostante queste oggettive difficoltà il suo impegno sarà premiato.


-


Soggetto/Original Story
• dal best-seller omonimo di Marcello D'Orta.

Sceneggiatura/Screenplay
• Lina Wertmüller
• Leo Benvenuti
• Piero De Bernardi
• Alessandro Bencivenni
• Domenico Saverni
• Andrej Longo (collaborazione)

Fotografia/Cinematography
• Carlo Tafani

Scenografia/Production Design
• Enrico Job

Costumi/Costume Design
• Gino Persico

Montaggio/Film Editing
• Pierluigi Leonardi

Musica/Music
• D'Angiò, Lello Greco

Produzione/Production
• Ciro Ippolito
• Cecchi Gori Group

Genere/Category
• commedia

Per un errore del computer, il maestro Marco Tullio Sperelli si vede trasferito d'autorità da una città ligure a Corzano, un paesino della provincia campana. Gli è toccata una classe della scuola elementare "De Amicis", una terza elementare, praticamente senza alunni. Di tutti quelli che dovrebbero frequentarla, infatti, il maestro Sperelli ne conta solo tre. Ben diciassette, per un motivo o per un altro (sfruttamento minorile, microcriminalità, ecc.), mancano all'appello. Deciso a non permettere una simile indecenza, un simile esproprio nei confronti dei minori, decide di andare a prenderseli persona, a recuperarli uno per uno. Alla fine, quando finalmente riesce nel suo intento e comincia a svolgere il suo ruolo, ad insegnare, ha modo anche di affezionarsi ai suoi ragazzi che, prima disinteressati e diffidenti, cominciano ad acquistare fiducia, a stimare il loro maestro al punto da mettersi di buzzo buono e fare un buon lavoro in classe. E' allora che arriva la comunicazione del trasferimento di Sperelli in una sede del nord. I ragazzi vanno a salutarlo alla stazione e, uno di loro, Raffaele, a mo’ di ringraziamento, gli consegna il compito che aveva faticosamente portato a termine in tempo. Il tema parla della fine del mondo, di disgrazie, di morti, tutte cose che nessuno meglio di un napoletano conosce a fondo, ma si conclude con una personale nota di speranza: "Io, speriamo che me la cavo".

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%
-
<< (…) un’occasione per dare voce ai silenziosi protagonisti della vita napoletana. Sono i giovanissimi abitanti della periferia che tra mille difficoltà e grandi sofferenze mantengono intatta la loro fiducia nella vita e il loro buonumore, dimostrando un’insospettabile forza d’animo e una grande capacità di sopportazione. Il film restituisce con estremo realismo e un pizzico di folclore le atmosfere e le situazioni del libro anche se per alcuni critici la regista ha un po’ ecceduto nella caricatura dei personaggi senza approfondirne la psicologia.(..)>> (Network Telepiù, presentazione del film)

<< (...) il maestro genovese Sperelli si ritrova catapultato in una scuola del napoletano fra i bimbi più "sgarrupati" d'Italia, che preferiscono la strada ai banchi. Al maestro il compito di riportarli sulla retta via. - (...) Lo dirige una regista che (coi suoi film) ha contribuito non poco alla creazione di un certo immaginario sudista tanto caro al nostro cinema. Anche in "Io speriamo che me la cavo" le bravate dei ragazzini di Villaggio si svolgono in uno scenario degradato, in una scuola dove presidi, professori e persino il bidello sono indaffaratissimi a non fare il loro dovere. Al genovese e un po' stranito Sperelli il compito di mettere ordine per di raddrizzare le vite di quelli scugnizzi così simpatici, ma così esposte alle insidie della strada. Col tempo, fra una battuta e un vezzo, il maestro si affezionerà ai suoi ragazzi (...)(Gabriella Giannice, "Guida ai programmi di Tele+")>> .

<< Il tentativo era di fare un "Cuore" napoletano, trasformando Edmondo De Amicis, come fa’ la preside del film, in Deàmicis. Un anno di scuola di un maestrino dalla pancia grossa venuto dalla Liguria alle porte di Napoli, che ha qualcosa da insegnare e qualcosa da imparare. Un ideali incontro Nord-Sud fuori moda, ma troppo sul rosa, inficiato da una sceneggiatura balorda. Il tutto è inzuppato, per i bisogni del successo, da quintalate di parolacce "esotiche" messe probabilmente in bocca a bambini impudichi e gigiosissimi, in confronto ad un Villaggio che cerca astutamente simpatia con quattro miti sorrisi indefessamente ripetuti. Invece che a Luigi Comencini si finisce per somigliare a quel che si è, opportunisti sfruttatori d'infanzia, mangiafuoco travestiti da geppetti. (Goffredo Fofi, newsmagazine "Panorama").>>

<< (...) il libro da cui è tratto il film è solo una raccolta di temi scritti dai ragazzi di una scuola elementare, e poteva riassumersi col sottotitolo: "come fari divertire gli adulti alle spalle di bimbi ignoranti". A questo la Wertmüller ha aggiunto una storia, un personaggio principale e un finale edificante. E in più ha dato un nome alla scuola che è tutto un programma. Insomma, l'idea era di rifare "Cuore", ma un po' aggiornato. Progetto impossibile e destinato a fallire in partenza.(“Film TV”, settimanale specializzato). >>
%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%

< paggaggio/i TV: 17/06/2010 - Sky_Cult
> passaggio TV : 21/07/2011 La 7
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Con: .
• Paolo Villaggio (maestro Paolo Spinelli)
• Isa Danieli (direttrice)
• Paolo Bonacelli (Ludovico)
• Gigio Morra (custode)
• Sergio Slli (Cartonaio)
• Ciro Esposito (Raffaele)
• Adriano Pantaleo (Vincenzino)
• Esterina Carloni (Esterina)
• Marco Troncone (Giustino)
• Pierfrancesco Borruto (Peppiniello)
• Luigi L'Astorina (Totò)
• Ivano Salazzaro (Giovanni)
• Antonio Scotto Di Frega (Mimmuccio)
• Mario Bianco (Nicola)
• Salvatore Terracciano (Flora)
• Carmela Pecoraro
• Maria Esposito
• Annarita D'Auria
• Alessandra De Tora
• Roberta Galli
• Anna De Magistris
• Filomena Lieto
• Consalvo dell'Arti
• Mario Porfido (sindaco)
• Lucia Oreto
• Eduard Criscuolo (Arnone)
• Salvatore Miglio
• Pietro Bertone (Nicolella)
• Fulvia Carotenuto
• Enrica D'Orta
• Lilly Cerere
• Marisa Confalone


Genere: Commedia
Durata: 105 min.
Anno: 1992
Nazionalità: Italia
Voto CinemaDonna: 
Voto del pubblico:  
Ruoli e Interpreti
Regista: Lina Wertmüller
Attore: Paolo Villaggio
Attrice: Isa Danieli
Lascia un commento

L´indirizzo e-mail non verrà pubblicato


 
 

Nate oggi...

Kate Beckinsale
Kate Beckinsale
Attrice                     ...
Leggi...
Sandra Bullock
Sandra Bullock
Attrice e Regista di un corto. Ha vinto l'Oscar (2010). Ha ...
Leggi...
Elena Fiore
Elena Fiore
...
Leggi...
Susan George
Susan George
Attrice                     ...
Leggi...
Helen Mirren
Helen Mirren
...
Leggi...
Alice Taglioni
Alice Taglioni
Attrice | Cantante | Regista _ Actress | Soundtrack | DirectorPrima di fare ...
Leggi...

La newsletter di CinemaDonna

Nome:
E-mail: