Cerca
CinemaDonna.it

Categorie

Cerca un cinema...

Tutte le province:

Nativity ♠ di Catherine Hardwicke

(The Nativity Story)

Nativity ♠ di Catherine Hardwicke LA TRAMA DEL FILM:

Sulla storia più amata e raffigurata al mondo...

-> Nativity (USA)


Catherine Hardwicke, regista di "Thirteen" e "Lord of Dogtown", con questo suo colossal (le Torri Gemelle sono appena crollate) ci rinfresca la memoria sulla storia d’amore più antica del mondo: la Natività, Betlemme, la Grotta...).
Riveduta e aggiornata nei limiti del possibile.
Per esempio nel linguaggio usato dai protagonisti.
Siamo nell’antica Galilea. L’arcangelo Gabriele annuncia a Maria la sua gravidanza miracolosa.
Appena qualche giorno prima, parlando del promesso sposo impostole dal padre, Maria aveva sbottato:
- “Giuseppe... è un uomo che non conosco, un uomo che non amo…”.
Più tardi, quando il pancione non si può più nascondere, nessuno prende sul serio le parole di lei che ripete di non aver mai conosciuto e non conoscere uomo e che sta solo ubbidendo al volere divino.
Presto cominciano le calunnie, l'ostracismo.. Giuseppe, che sembra l'unico ad avere la testa sulle spalle e che è stato da sempre innamorato di Maria, che però a tutta prima aveva dubitato, ora rassicura la sua donna:
- “Tu sei mia moglie e io sono tuo marito. E questo è tutto ciò che gli altri devono sapere.”
Parole tranquillizzanti anche se siamo ai tempi di Erode, il più potente degli uomini potenti della misera provincia, esattore spietato e amante del lusso. Erode si sente minacciato dalle voci che annunciano l’arrivo di un nuovo re, e sta cercando di capire se davvero da qualche parte ci sia una donna in attesa di mettere al mondo il Re dei Re, il Figlio di Dio.
Arriva la strage. Ma quelle sue orrende stragi di innocenti saranno inutili.
Le Storia è già scritta e nessuno potrà cambiarla.
In altri momenti questo sarebbe stato un bel film, puramente e semplicemente. Oggi può anche sembrare uno spot che non tutti hanno la libertà di potersi permettere; una vittoria facile su un campo di battaglia dove il nemico ha le mani legate. Una scelta strategica indolore. Come dire: non vogliamo, per tanti motivi, parlare degli altri; nel bene o nel male; ma nessuno ci può impedire di parlare bene di noi e mostrarlo con le immagini.
L’intento, degli sceneggiatori prima e della regista poi, sembra essere stato quello di attenersi scrupolosamente al dato scritto, tenere basso il volume nei momenti delicati, inseguire la semplicità, in modo a volte anche estremo, per non apparire roboanti. Ma non mi meraviglierei se la potenza evocatrice delle immagini promuovessero “Nativity” a film dei film del prossimo Natale. I neo-produttori sono stati i primi a credere nella bontà del loro progetto. Tanto da avere messo in piedi un’apposita società per realizzarlo.
Tirandoci dentro anche la regista. Quindi i costi del colossal si sono abbassati, con beneficio di tutti.

%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%

> passaggio/i TV: 16/12/2010 - Sky Cinema
> passaggio TV: 05/01/2009 - RaiUno
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Con: .
Shohreh Aghdashloo
Keisha Castle-Hughes
Eriq Ebouaney
Ciarán Hinds
Oscar Isaac
Matt Patresi
Ted Rusoff


Genere: Drammatico, Storico
Anno: 2006
Nazionalità: Stati Uniti d'America
Voto CinemaDonna: 
Voto del pubblico:  
Ruoli e Interpreti
Regista: Catherine Hardwicke
Attrice: Keisha Castle-Hughes
Lascia un commento

L´indirizzo e-mail non verrà pubblicato


 
 

Nate oggi...

Betsy Blair
Betsy Blair
Attrice                     ...
Leggi...
Anita Caprioli
Anita Caprioli
Attrice                     ...
Leggi...
Randa Chahal Sabbag
Randa Chahal Sabbag
Regista | Sceneggiatore | Attrice.             ...
Leggi...
Susan Seidelman
Susan Seidelman
Regista | Produttrice | Sceneggiatrice | Attrice ! MontatriceHa frequentato i ...
Leggi...

La newsletter di CinemaDonna

Nome:
E-mail: